Laminazione a freddo: proteggi la qualità della stampa nel tempo!

Stampa digitale, Tutto Commenti disabilitati su Laminazione a freddo: proteggi la qualità della stampa nel tempo!

Con i nostri macchinari per la stampa digitale possiamo realizzare stampe con il massimo dettaglio fotografico e una resa cromatica fedele al progetto grafico. Per quanto la stampa sia resistente, spesso è consigliabile un’ulteriore lavorazione per garantirne la conservazione e prolungarne la durata nel tempo, specialmente se si tratta di pannelli o di insegne che verranno collocate all’esterno. Nel nostro centro stampa abbiamo una new entry che ci ha permesso di fare un ulteriore salto di qualità: la protezione delle stampe.

Si tratta della tecnologia per la laminazione o plastificazione a freddo, esistente ormai da almeno 25 anni. In precedenza si riferiva soprattutto al settore tipografico per la carta, poi si è evoluta assieme alle macchine per la stampa digitale. Ancora oggi si possono facilmente trovare alcune plastificatrici di piccolo formato automatiche, economiche e portatili. La tecnica che invece vogliamo spiegarvi è molto più flessibile e produttiva, perché si rivolge specificamente al settore commerciale della pannellistica di piccolo e grande formato; poi si tratta di macchine professionali pesanti più di 150 kg, quindi non proprio facilmente trasportabili!
Principio di funzionamento. La laminazione o plastificazione a freddo avviene tramite l’accoppiamento di un foglio di pellicola sintetica trasparente opaca o lucida con il supporto o il foglio stampato. L’accoppiamento avviene automaticamente grazie ad apposite calandre, come nel nostro caso.
Plastificare con la calandra. Una calandra è una macchina composta da 2 rulli orizzontali, in mezzo ai quali passa il supporto da plastificare. I rulli sono riscaldati, perchè il calore ottimizza il fissaggio della pellicola al supporto. Si possono impostare la pressione e la temperatura per agevolare il passaggio del pannello tra i rulli e diminuire la formazione di bolle d’aria durante l’accoppiamento.
Possiamo plastificare direttamente supporti alti fino a 5 cm!
Per ottenere un effetto estetico pulito ed elegante si può aggiungere un profilo sul bordo del pannello oppure risvoltare la stampa sui bordi, come in un fotoquadro (consigliato per pannelli da interno).
Perché è utile. Qualsiasi cosa venga collocato all’esterno da subito sarà bersaglio degli agenti atmosferici quali la pioggia, la grandine, il salino o semplicemente l’esposizione al Sole. I graffiti o gli urti accidentali possono rovinare irrimediabilmente la stampa, soprattutto se si tratta di un pannello collocato ad altezza uomo. La plastificazione non permette soltanto di conservare qualitativamente la stampa, ma anche di aumentarne la durata nel tempo.
Pellicole per la plastificazione. Esistono diverse tipologie di pellicole, in base alle condizioni dove verrà collocato il supporto: le più richieste al momento sono la plastificazione lucida – opaca – anti-graffiti – calpestabile – filtro UV.
Applicazioni: Pannelli rigidi e materiali flessibili per la decorazione di ambienti interni ed esterni – Insegne di attività commerciali – Decorazione di pavimenti (Calpestabili) – Decorazione di veicoli (Car Wrapping) – Banner/Display Pop-up retroilluminabili – Banner/Display Roll-up – Adesivi per vetrine (Vetrofanie) .. E molto altro!

Pin It

» Stampa digitale, Tutto » Laminazione a freddo: proteggi la...
Il 26 agosto 2014
Da
, , , , , , , , , , ,

I commenti sono chiusi

« »